LA TERRA DOVE LA GENTE SORRIDE.

LA TERRA DOVE LA GENTE SORRIDE.

di Stefano Ceretti.

Cambogia: una realtà lontana che, devo ammettere, fino a poco tempo fa non avrei mai pensato di visitare.
Poi mi è stato proposto un incarico, quello di scattare alcune fotografie per un progetto editoriale e, mentre ero a Phnom Penh per questo, ho documentato tutto ciò che vedevo.
Il fascino dei tuk-tuk, la vita nelle strade dove i bambini chiedono nudi l’elemosina e i marciapiedi dove intere famiglie trascorrono il giorno e la notte sono senz’altro gli aspetti più “immediati” di questo paese che, giorno dopo giorno, impari a conoscere e a capire.
Un paese che ai tempi di Pol Pot è stato letteralmente “azzerato” in ciascuno di quegli aspetti sui quali normalmente viene costruito il futuro di un popolo e che ora paga il caro prezzo di quel periodo dimostrandosi in ritardo sulla costruzione di basi certe ed imprescindibili su cui fondare, ad ogni livello, gli anni a venire.
Un paese, però, fatto di persone incredibili, per la maggior parte molto povere ma che posseggono un dono unico: il sorriso.
Il mio lavoro a volte sembra fatto di puro cinismo e il rischio di scattare fotografie che cerchino un facile sensazionalismo raccontando disgrazie altrui è sempre molto forte.
Il mio lavoro, non la mia anima. Quella mi permette di vedere le cose con il cuore.
Un bambino seminudo in mezzo alla strada intenerisce chiunque ma non è un fenomeno da baraccone, un soggetto per un facile scatto: ha la sua dignità così come ce l’ha (pur con enormi lacune culturali) la sua famiglia; chi guarda quelle persone negli occhi si accorge di tutto ciò perché attraverso gli occhi  guarda nel cuore di quella gente.
Quella gente che sorride. Quella gente che avrebbe bisogno di ricevere tanto ma che con quel sorriso, invece, dà tutto.
In Cambogia ho scattato moltissime fotografie, moltissimi ritratti. Per la prima volta non ho ricevuto neppure un rifiuto. Per la prima volta ho riflettuto su ogni immagine, prima e dopo averla scattata. Per la prima volta tutti mi hanno sorriso.
Per la prima volta ho ricevuto una grande e vera lezione di vita.

Leave a reply

captcha
Required fields are marked (*)

TOP