TAGLI DI LUCE A NEW YORK.

TAGLI DI LUCE A NEW YORK.

di Stefano Ceretti.

19 luglio 2015.
A New York per lavoro (#FEELZIGNONE: un progetto fotografico molto gratificante iniziato nella Grande Mela e che proseguirà a Milano e chissà…), sapevo di avere la sola mattinata libera quindi, nonostante il mio periodo di sonno nella notte precedente fosse durato un paio d’ore scarse alle 7 ero in strada con le mie Fujifilm al collo.
Partito dalla “trentottesima”, zona Jacob Javits Convention Center (dove si sarebbe svolta MilanoUnicaNewYork, il motivo della mia presenza là), mi sono diretto verso l’Empire State Building e, a quell’ora, non ho potuto far altro che notare una netta luce di taglio che filtrava attraverso i grattacieli del centro e ne illuminava un solo lato in modo perentorio, lasciando un contorno di ombra assoluta.
In quello stesso momento ho deciso che per tutta la mattinata avrei sfruttato quei “tagli” pensandoli fin da subito in bianco e nero, convinto di poterne trarre il massimo vantaggio.
Ho proseguito la mia camminata verso Manhattan trovando illuminata la sola parte frontale del Flatiron e “scoprendo”, una dopo l’altra, molte situazioni proprio come le avevo immaginate: luce fortissima e ombre nette. Avevo ragione a pensare New York in quel modo quella mattina.
Sono nati così scatti particolari che, secondo le mie intenzioni e a detta di chi li osserva, danno della città un’interpretazione originale.
New York di giorno è bellissima, di sera è affascinante ma di mattina, quando si sveglia, è magica… tutta da scoprire!

Leave a reply

captcha
Required fields are marked (*)

TOP